Trame lunari

Trame Lunari

Il suono attutito di perse
memorie riverbera

affiorano brividi d’ombra

da uno spiraglio repentino è desto
un corso d’acqua calmo e chiaro

svela ammutoliti giardini

e questo crucciato profugo è
riflesso in quel vago balocco

o gote rosee o tempie azzurrine

o dolcezza d’occhi senza pensieri

Giuseppe Ungaretti – Roma 29 Giugno 1922

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>