E partire…

E partire…

Strano come la voce del mare
si senta in questa pianura
mare verde senza brezza
senza brezza.

Forte come il richiamo del mare
risuona il battito del mio cuore
mare verde senza brezza
e sento che devo ripartire
partire
partire.

E l’eco del mare
mi attraversa la mente
la sua voce muove i miei passi
e torno lì, fra il suo vento.

Sopra al ponte della nave
in mezzo alla tempesta della vita
la sua voce muove i miei passi
e sento che devo ripartire
partire
partire.

Strano come la voce del mare
si unisca alla mia voce
e il canto si alzi sopra alla pianura
senza brezza.

Forte come le onde della tempesta
batte il mio cuore zingaro
e riparto verso l’oceano
verso la voce del mare.

Alessandra Angarano

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>