Naufrago

Naufrago

E qui, lo sguardo a questo mare
finisce la notte e indugio ancora un po’
ad aspettare
qui, l’alba e la nebbia
la laguna è morta, senza un vero suono, un suono
a risvegliarmi

ed appare una nave, con le vele consunte
con le vele stracciate e scosse da un vento
ma vento non c’è, ma il vento non c’è
forse è dentro di me, e sospinge la nave via con te.

E si, è difficile capire
dove finisce il sogno ed affiora il dolore e il sale
brucia il cuore
ma è così, che mi sento perduto
sospeso tra terra cielo e acqua
perduto si

ed appare una nave, con le vele consunte
con le vele stracciate e scosse da un vento
ma vento non c’è, ma il vento non c’è
forse è dentro di me, e sospinge la nave via con te.

Andrea Graziani

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>