Mahalia


 

 

 

 

 

 

 

 

Canto V – musica di Andrea Graziani, testo di Giuseppe Ungaretti
Un sueño– musica di Andrea Graziani, testo di Antonio Machado
Love song – musica e testo di Andrea Graziani
Canto beduino – musica di Andrea Graziani, testo di Giuseppe Ungaretti
Un milione di scale – musica di Andrea Graziani, testo di Eugenio Montale
La hora de una ilusion – musica di Andrea Graziani, testo di Antonio Machado
Terra – musica di Andrea Graziani, testo di Giuseppe Ungaretti
Notte Fatale– musica e testo di Andrea Graziani
La balada de la sangre – musica di Andrea Graziani, testo diAlessandra Angarano
Silencio – musica di Andrea Graziani, testo di Antonio Machado

 

Formazione:

Alessandra Angarano – Voce
Alessandro Chiarelli – Violino
Andrea Graziani – Chitarre, Bouzouki
Daniele Schön – Violoncello
Pamela Guerriero – Percussioni

Progetto:
Andrea Graziani e Alessandra Angarano.
Il CD è stato registrato in presa diretta, senza sovraincisioni durante 3 giorni di sessioni continue presso il Teatro CRC di Abano Terme (Padova).
Tecnico di registrazione Marco Lincetto, registrazione in digitale su supporto Dat nultitraccia Tascam DR88.
Montaggio e masterizzazione: Fabio Framba
Musicisti Ospiti:
Cecilia Furlani, secondo violino
Margherita De Bei, arpa celtica
Copertina: Fuoco d’autunno, un quadro di Nina Nasilli

Nota di Andrea Graziani

Credo che questo fosse il momento giusto per realizzare il nostro primo CD. Il gruppo era maturo e composto di musicisti bravissimi e soprattutto preparatissimi. In questo CD provai per la prima volta a scrivere gli arrangiamenti per due/tre archi e gran parte delle canzoni furono arrangiate da me con il contributo fondamentale di Daniele Schön un musicista straordinario a cui va il merito fondamentale di avere spinto il gruppo verso orizzonti sonori completamente acustici. In principio questo lavoro doveva essere pubblicato da un etichetta discografica tedesca (di cui onestamente non ricordo neanche più il nome) attraverso il contributo di Marco Lincetto di Velut Luna che aveva curato i tre giorni di registrazioni al teatro CRC di Abano; poi il flop che l’etichetta realizzò con un progetto precedente a questo fece crollare questa prospettiva così l’anno dopo io e Ale decidemmo di creare la nostra etichetta indipendente El Dar e stampammo il CD distribuendolo durante i concerti.