Notte fatale

Notte fatale

E la luce si fa dolce, ambigua
dal sole si allontana,
cammini sulla sabbia
per raggiungere il cielo
sulla porta della notte
sull’eternità
sulla porta della notte
sull’eternità.

E dolce  é il desiderio
e il vento ti avvicina
al luogo della
riconciliazione
alla porta della notte
sull’eternità
alla porta della notte
sull’eternità.

La luna sta salendo, immensa
e dilaga nei tuoi occhi scuri
creatura della sabbia
che come il tempo si trattiene
sulla porta della notte
sull’eternità
sulla porta della notte
sull’eternità.

Rumori amplificati
figure trasformate
oggetti che si muovono
e improvviso nel silenzio
il tuo tempo si trattiene
sull’eternità
il tempo si trattiene
sull’eternità.

Andrea Graziani